«Abbiamo presentato questa mattina il piano degli interventi per favorire una significativa ripartenza delle attività culturali, in completa sicurezza. Grandi istituzioni culturali del Veneto (il Teatro Stabile, Arteven, la Fondazione Teatro Comunale di Vicenza e la Federazione Italiana Teatro Amatori) e mezzo milione di euro segnano la ripartenza di uno dei comparti che rappresenta il 5% del Pil regionale, il 6% del nostro tessuto occupazionale e a pieno titolo rientra tra quelli che trainano l’economia.

Con 550.000 euro andiamo a sostenere la programmazione estiva e quella invernale, in un’ottica di offerta diffusa di intrattenimento di qualità. Contributi che si sommano a quelli già stanziati per la regolare attività delle quattro istituzioni e che ammonta ad oltre 2 milioni e 400mila euro: un incentivo concreto allo spettacolo dal vivo, per riportare la gente nelle piazze e nei teatri, perché dietro la cultura esiste anche un mondo di professionalità e maestranze, che meritano il nostro appoggio.

Il programma consiste nella produzione di oltre 200 spettacoli realizzati da compagnie teatrali legate al Teatro Stabile del Veneto in scena sui palcoscenici di oltre 50 comuni che ad oggi hanno aderito al progetto “Il teatro torna a casa” di Arteven. Tra i titoli già in calendario “Romeo e Giulietta” di Babilonia teatri con Pagliai e Gassman, “Stand up Shakespeare” con Paolo Rossi e “I due gemelli veneziani” di Carlo Goldoni per la regia di Walter Malosti.

Ad essi si aggiunge il contributo della Fondazione Teatro Comunale di Vicenza, la quale sosterrà 8 progetti di residenze rivolti alle compagnie venete che si impegneranno nella produzione di almeno 34 spettacoli. Infine, la Federazione Italiana Teatro Amatori, avvalendosi della collaborazione dell’UNPLI Veneto realizzerà almeno 20 spettacoli teatrali amatoriali».

È quanto dichiarato dal Governatore del Veneto, Luca Zaia, sulla propria pagina social.